http://piazzaarmerina.org/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.adv-top-iplazagk-is-172.pnglink
http://piazzaarmerina.org/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.banner-917-70-promo-hotelgk-is-172.pnglink
http://piazzaarmerina.org/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.banner-917-70-INSIGHTgk-is-172.pnglink

Utenti Online

Abbiamo 326 visitatori e nessun utente online

Pi Chiazza e pi Maria

  • Scritto da  Giovanni Piazza

"Magistratu di tutti li quarteri,
trasemu, 'mpari, ma di chi si tratta?
Quanti custumi, tutti ssi banneri,
ma ancora ci sarà cu si l'accatta?
Ma s'un c'è festa senza tammurinu,
d'annata sana cca, sa' chi casinu.II
Talìa ddu Paliu dda, tra seggia e seggia,
anticu assai, chi rappresenta, mpari."
e Chiazza arrispunnìu: Tu testa leggia,
tu di chiazzisi ca lu poi cantari
lu guardi sulu quannu svintulìa
e scanusci la storia to' ch'è mmia.

III
Sallu ca ni stu Paliu su' nchiuvati
millanni di sintenzi e di spiranzi,
di ggioi e di duluri accutturati
e ddi gloria e ddi sangu e di suttanzi,
millanni ca di mia nòbbili Chiazza
ognunu mi l'annacu nta li brazza.

IV
E lu distingu comu fussi aguannu
quannu Alissandru dissi: "Tu Ruggeru,
tu Conti d'Altavilla, tu Nurmannu
di cori ranni e d'ànimu sinceru
di Sicilia sarai Nunziu Divinu
pi libberarla di lu Saracinu.

V
Ma pi benedizioni e pi siggillu
chi t'accumpagni nta sta guerra santa
t'addotu in sempiternu stu Vessillu
ca di forza e putenzia assà ni vanta.
Cumbatti e vvinci, in nomu di Maria."
e Ruggeru a suggellu:Eccusissìa!

VI
E pi trentanni l'èpicu nurmannu
contra a lu saracinu siculiotu
di vittoria in vittoria cuntrastannu
e rispittannu lu divinu votu
cu ddu vessillu a ffrunti e pi battagghiu
rripristinau lu papalinu scagghiu.

VII
"Divinu assai!" dissi perciò Ruggeru
e lu dessi a sarvari e chiù valenti
chiazzisi so', ca nun ci parsi veru
di venerarlu tra l'amata ggenti,
finquannu, p'ingordigia guglielmina,
l'aria si prisintava troppu fina.

VIII
"Si lu porta 'nPalermu, stamu accura."
già murmuriava la popolazioni
"Ma salvari si po!" - "Daveru? Ggiura."
"Certu ca si, juncemu quattru bboni
a Zazzanova e a ffinta ca iucamu
a na vutata d'occhi l'ammucciamu."

IX
Oh tu ca ascuti ormai dopu mill'anni
e Zazzanova nun lu sai chi ssìa
ti spiecu ca a ddi tempi, canni canni
era mancu finuta, la badìa,
ma è chiaru e lu cuncettu lu rispecchia
ca Zazzanova è sempri Zazzavecchia.

X
E lu ntirranu dda, sutta ddu tempiu
e lu curcanu ammenzu a sei lignotti
e Guglielmu calau, facennu scempiu
ma cu ddi quattru sperti nun ci potti
ca pi quantu ddu Malu si va' sbrazza
lu Paliu arresta sempri Chiazza Chiazza.

XI
Però passa lu tempu e si nni vola
e la morti ca sempri ci mancìa
runzannu cu la fetida tagghiola
puru a li sperti si li cugghiunìa
e mòrsiru, ddi quattru e pi ncucucciu
si persi la memoria di l'ammucciu.

XII
E funu centottantasetti l'anni,
tri sissantini e cchiù, dda suttastanti,
nfinu a chi ci cumparsi a Don Giuanni
ca lu va scava e si lu porta avanti
e prucissannu ccu la so' putenza
fa pruvulazzu di la pestilenza.

XIII
Oh maravigghia di li maravigghi
Riggina ca cummogghia la so' Chiazza
e teni comu Figghiu l'autri figghi
e si li strinci tutti e si l'abbrazza
mentri pi li cuntrati si propaga
la fini prudigiusa di la chiaga.

XIV
E fu di tannu e di ssu primu signu
ca Paliu e Chiazza su' di na sustanza,
dei tempi dei canonici di lignu
ca la Matri Divina nun si scanza,
pi fami e carestii, pi siccità
la porta è sempri aperta, è sempri ddà.

XV
E pi ringraziamentu e rimimbranza
di tannu si festeggia a lu tri maggiu
la Madunnuzza scìnniri in vacanza,
turnarisinni dda, ccu attornu a rraggiu
tutta la ggenti so' ca si ci appresta
e la va ttrova pi cci fari festa.

XVI
Però quantu chiossà benevolenza,
tantu di cchiù riconoscenza attira
e allura, raddoppiata la licenza,
ci fanu ancora festa finu a ssira
prima li cunfratèrniti cchiù ranni
poi li quarteri senza San Giuanni.

XVII
E a menzaustu, a ccentru di calura
e Casalottu e Munti e Castiddina
e Canali, valenti e di misura
si scòntranu a la giostra saracina
pi putiri ospitari cavaleri
la Madunnuzza nta lu so quarteri.

XVIII
Eccu chi rappresenti tu chiazzisi
stu Paliu è la to storia e tu la mia
e iu ca sugnu Chiazza ca si misi
all'onoranza santa di Maria
ti dicu ca però la nostra storia
è soprattuttu fatta di memoria.

XIX
E ssulu festeggiannu cu cuscienza
assoluta sarà la sicurizza
c'ogni rialu di sta pruvvidenza
è fruttu di la storia ca si ntrizza
rinnuvannu la splendida magia
ca gridannu dirà: VIVA MARIA!

Vota questo articolo
(0 Voti)
Altro in questa categoria: « Pane Piriglio »

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Calendario Eventi

Ottobre 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

I nostri Sponsor

Disclaimer

Piazzaarmerina.org
è un portale realizzato e gestito da:
STUDIO INSIGHT
P.Iva 01089460867

PiazzaArmerina.Org © Copyright 2000-2016, All Rights Reserved | Realizzazione Studio Insight