http://piazzaarmerina.org/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.adv-top-iplazagk-is-172.pnglink
http://piazzaarmerina.org/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.banner-917-70-promo-hotelgk-is-172.pnglink
http://piazzaarmerina.org/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.banner-917-70-INSIGHTgk-is-172.pnglink

Utenti Online

Abbiamo 141 visitatori e nessun utente online

Don Pippino Paraspulino

  • Scritto da  Giovanni Piazza

I
Dissi Paraspulinu a la so spusa:
"Chi cerchi, bedda, chi pirdisti cosa?
Pirchì ti vidu ggià menza spinusa."
idda ci arrispunnìu: "Sogno sfirriosa,
e pi sfoco d'amuri o pi corrivo
ci arricugghissi l'acqua con il crivo.

II
Ma si il chiazziso nun s'ha scannaliato
mancu quannu canciò sinnacatura
e passa di quel lato all'altro lato
e nun la fa né modda e mancu dura,
cu sta cazzicatùmmula putenti
ha fattu dannu o nun ha fattu nenti?

III
Pirchì nun basta aviri già vutato
ca si nun l'assicuti nel romito
chiddu ti dici, dopu chi ha acchianato,
nun v'annacati c'addiventa acito,
nun v'annacati ca s'appanza tutta,
pigghiala supra ch'io la pigghio sutta.

IV
Praticamenti vò jucari assulo
praticamenti vò supraniari
e puru travagghiannu come un mulo
il populo nun l'avi a scuncicari
pirchì, si scanzaddìu ciàvi na vogghia,
prima si l'accuntenta e poi l'ammogghia.

V
E allura senti, portici sta carta,
unni c'è scrittu lèggiri si po',
e prima ca si sparta i megghiu parta
ci sdillinguisci lu pinzeri tò.
Sentila ccà, ca ti la fazzu chiara
comu si fussi tutta nuciddara:
Littira gisticolatoria per il sinnaco novizio
VI
Non so chi tu sia, ma fallu pi mia,
sinnò don Pippino t'adarma un casino
sinnò sta valia di Santa Maria
pi troppo pinnino ti sfonna il cufino
t'astuta e t'adduma pi scuro e pi chiaro
ti stròppica l'ova di dentro il panaro.

VII
Oh sinnaco oscito da gran pribiscito
ancora una vorta s'addrizza la svorta.
La grandi prutesta? Già tutto finito,
lu suli t'arresta ddà fora la porta,
il sinnaco rosso, il sinnaco nero,
ma intanto il paiso si astuta davvero.

VIII
Ddu ranni spitali, putenzia d'armali,
di quantu mi costa ci acchiano e ci abballo,
ma mancanu ancora pirfinu i rinali
che detto taliano si fa pappajallo,
ma n'ama tassari pi fari li tacchi
e intantu i duttura addiventanu bracchi.
(*grandissimo ma sguarnitissimo ospedale che sarà dotato di T.A.C. (forse) grazie ad una sottoscrizione popolare)

IX
Lu cinima a fasci, accura ca penni,
chi fazzu, l'ammuttu? Ma no, s'asdirrupa
chi fazzu, lu toccu o quarcunu s'offenni?
ma mancu si fanu cchiù l'occhi a na pupa.
Pirchì, chi successi, accura, cchi ha stato,
lu cinima a fasci è ancora nfasciato.
(*il glorioso cinema Ariston, costruzione di epoca e gusto post-fascista, puntellato ed intoccato da anni)

X
Così il jiurnataro s'allicca la sarda
a fari jurnati, ma senza pagati
firria li vitrini ma mancu li guarda
sugnannu lu turnu di la forestati,
facennu pagghiuna a livanti e ponenti,
e càntaru un servi, sarvannu i prisenti.

XI
E quel commircianti che evase in cuntanti
adesso che chiude gli prude la via
vidennone tanti di panze vacanti
parrannu ccu ttia chiossà ci mancìa
e intantu cumbatti li gran ristrittizzi
livannu primizi, strafutti e stravizzi.

XII
Tomobbili a sciomi ntrizzate a curdedda
ca tinginu l'aria chi già sfumazzia
lassate a coprinchiri agnuni e vanedda
parrannu ccu ttia, na gran camurria,
accura ca nesciu, accura ca vaiu,
e intantu m'attassi lu passu carraiu.

XIII
E i giovani in quella piazzetta chi scocca,
si Ciccu mi tocca, ma toccami Ciccu
aspettanu tutti la passola in bocca
s'allarga lu grassu, s'allonga lu siccu,
l'età supravanza anchi senza stuppagghiu
ma nun si capacita unn'è lu travagghiu.
(*piazzetta dell'Enel, affollatissimo punto di ritrovo giovanile)

XIV
E il populo accetta diggià rassignato
pighiannusi ancora cchiù botti d'abbili
pirchì l'opirato non và contistato,
pirò Patri Pì ccu triccentu cannili,
pirò la cinchina va sempri jucata
ca sempri cchiù alleggia t'agghiorna la strata.
(*statua di Padre Pio sommersa da lumini e candelotti)

XV
Ma cu di spiranza si n'inchi la panza
è già distinato e morrà dispirato
e allura, un appraoso a sto novo chi avanza
ma quannu si smovi, saremo al suo lato,
pirchì si dei bummi nun ti guardi tu
nun ti salvirebbi nimmeno Gisù.
Il popilo pose, assapillo cu fu.

XVI
"Mi piaci!" dissi Don Paraspulinu
"Ora ci la và lleggiu a lu cunsigghiu,
sincera, pani a pani e vinu a vinu
non ci nni lassu e mmancu ci nni pigghiu
li mentu tutti pari a culapponti
e ci nchiarisciu ancora l'orizzonti.

XVII
"Sintiti ccà." ci fici a lursignura
allicchittati in vesti di gazzusa
"Sintiti e vi scapacita la cura,
sintiti chi tastànnula è graziusa,
ca si attrantati anticchia d'attinzioni
sbummicherete patri e non patroni."

XVIII
Littira
Non so chi tu sia, ma fallu pi mia,
sinnò don Pippino t'adarma un casino
sinnò sta valia di Santa Maria
pi troppo pinnino ti sfonna il cufino
t'astuta e t'adduma pi scuro e pi chiaro
ti stròppica l'ova di dentro il panaro.

XIX
Ma intantu ca Pippino profferisci
il sinnaco s'assetta e cadi a chiummu
la ggiunta puru tutta s'addurmisci
mentri s'alliscia giummu e portagiummu
e il poviro Pippino strantoliato
se ne girò di dovi avi arrivato.

XX
"Ma non finisci ccà!" fici Pippinu
e in dilla facci un cìfiro ci appari
"Allura mi ni scinnu a lu Cascinu *Piazza Generale Cascino
e spando comi l'ogghio sopra il mari il passìo
e ci la spiecu tutta e la scapizzu
e dda ci attizzu un focu cuvatizzu."

XXI
"Popolazioni, ti dovrò parlari"
ci dissi a la vintata del passìo
"e ti li vogghiu diri chiari chiari
comu si fussi chi parrassi a Dio
si, nun l'ammucciu cchiù, la npennu tutta,
pirchì nsocchi si mancia poi s'arrutta.

XXII
Perciò prèstimi tutta l'attinzioni
ca ci mpristasti a la signura Gina
quannu per intiressi o pi passioni
s'arricampava cu la panza china,
prestimi l'attinzioni e in un mumentu
una ni spinciu e ci n'ammuttu centu.

XXIII
Littira
Non so chi tu sia, ma fallu pi mia,
sinnò don Pippino t'adarma un casino
sinnò sta valia di Santa Maria
pi troppo pinnino ti sfonna il cufino
t'astuta e t'adduma pi scuro e pi chiaro
ti stròppica l'ova di dentro il panaro.

XXIV
E a manu a manu chi ci la ntrosciava
il populo sintiva un gran firmento
e mentri Don Pippino cuntinuava
e arrussicava comu un assorbento
il chiazziso di colpo s'infiammò,
fici na vampasciuscia e s'astutò.

XXV
E a picca a picca, a mò di contradanza,
si priparava pi l'evacuazioni
e murmuriava: "Penza pi la panza,
ca si t'intuppi in questa situazioni
ti ci po' struppiari, 'nzammasìa."
e rinculannu s'accampò la via.

XXVI
Cussì Pippino, ormai rimasto solo,
si resi conto e stratagghiò d'accorzo,
e si sintiva a scorcia di cannolo,
e con grandi tormento e assai cchiù sforzo
si convincì chi il popilo chiazziso
starissi bbeni sulo in paradiso.

XXVII
E tantu ci sfirriò la cirivedda
ca ci addivenni il cannarozzo sicco,
ca l'occhi ci agghiurnaru a pampinedda
e l'esprissivu ci arristò strambicco
e ancora a stu mumentu, e sù tantanni,
si va ntrizzannu cu ddu focu ranni:

XXVIII
Littira
Non so chi tu sia, ma fallu pi mia,
sinnò don Pippino t'adarma un casino
sinnò sta valia di Santa Maria
pi troppo pinnino ti sfonna il cufino
t'astuta e t'adduma pi scuro e pi chiaro
ti stròppica l'ova di dentro il panaro.
Non so chi tu sia, ma fallu pi mia






Vota questo articolo
(0 Voti)
Altro in questa categoria: « Posta Ventu »

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Calendario Eventi

Aprile 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

I nostri Sponsor

Disclaimer

Piazzaarmerina.org
è un portale realizzato e gestito da:
STUDIO INSIGHT
P.Iva 01089460867

PiazzaArmerina.Org © Copyright 2000-2016, All Rights Reserved | Realizzazione Studio Insight