http://piazzaarmerina.org/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.adv-top-iplazagk-is-172.pnglink
http://piazzaarmerina.org/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.banner-917-70-promo-hotelgk-is-172.pnglink
http://piazzaarmerina.org/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.banner-917-70-INSIGHTgk-is-172.pnglink

Utenti Online

Abbiamo 160 visitatori e nessun utente online

Chiesa della Collegiata del Crocifisso

La chiesa della Collegiata del Crocifisso, sita a pochi passi dalla chiesa di S. Martino, si trova alle pendici del monte Mira. L’edificio attuale fu costruito su una chiesetta già esistente, S. Domenica, dove veniva custodito il immagine sacra del Cristo in Croce. Questo era meta di pellegrinaggio di una moltitudine di fedeli, cosicchè venne istituita nel 1675, per volere del barone di Malpertuso Matteo Calascibetta, una collegiata di canonici intitolata al S.S. Crocifisso. Il barone, privo di prole, lasciò tutti i suoi averi alla colleggiata suddetta. Nel 1700 Pietro Paolo Trigona, discendente del noto Marco Trigona, si assunse la responsabilità di abbattere la chiesa di S. Domenica per edificare una ancora più grande dedicata esclusivamente al S.S. Crocifisso.

L’edificio attuale fu inaugurato nel marzo del 1785. Lo stemma sulla facciata potrebbe rappresentare il simbolo della famiglia Trigona, ma più probabilmente era lo stemma della Collegiata stessa. La devozione al S.S. Crocifisso, tramite l’attiva confraternita della chiesa, raggiunse livelli di popolarità molto elevati tra la cittadinanza piazzese, che nei primi del ‘600 iniziò a rappresentare nelle piazze della città la passione di Cristo. Nel 1950 le confraternite vennero soppresse. Questo fino al 1989 quando, per approvazione del Vescovo Mons. Vincenzo Cirrincione, fu costituita una nuova confraternita.
La chiesa del S.S. Crocifisso si estende lungo la via Crocifisso e chiude la piazzetta omonima. La facciata è a doppio ordine di lesene: su quella inferiore troviamo il portale principale e i due laterali (di fattura barocca) disposti simmetricamente, sulla lesena superiore una finestra a timpano. Spicca dall’esterno l’insolito sviluppo, a tamburo, della cupola.

Allo stile chiaro e senza fronzoli della facciata e di tutta la parte esterna in generale si rifanno le linee essenziali degli interni. La pianta della chiesa è a croce greca su un’ unica navata con ai lati sei cappelle sovrastate da altrettante cupolette. All’interno della prima cappella a sinistra troviamo un’urna con sopra un ”Ecce Hono” a mezzo busto (1600). Nella cappella “del battistero” (seconda a sinistra) troviamo un dipinto raffigurante il battesimo di Gesù che sovrasta unn fonte battesimale.
Di fronte troviamo la cappella che ospita la statua del Cuore di Gesù e, dentro un’apposita urna che fu donata alla chiesa dalla cittadinanza, il Cristo morto e deposto. Nell’ultima cappella a sinistra si trova la lapide commemorativa del suddetto barone di Malpertuso Matteo Calascibetta.
Da segnalare inoltre all’interno un coro ligneo settecentesco, una tela del seicento raffigurante Santa Domenica, un organo del settecento e delle formelle lignee raffiguranti la Via Crucis.

 

 

Calendario Eventi

Giugno 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

I nostri Sponsor

Disclaimer

Piazzaarmerina.org
è un portale realizzato e gestito da:
STUDIO INSIGHT
P.Iva 01089460867

PiazzaArmerina.Org © Copyright 2000-2016, All Rights Reserved | Realizzazione Studio Insight